I Giganti di Mont’e Prama

Una scoperta che ha riscritto la storia dell’arte del Mediterraneo E’ il marzo del 1974: alcuni agricoltori preparano,...
Sa taschedda sarda

Sa taschedda sarda, lo zaino tattico dei pastori

Parte obbligatoria dell’equipaggiamento dei pastori dell'isola fin dai tempi più remoti, Sa taschedda sarda sta diventando per la sua semplice e lineare bellezza un vero e...
La grande miniera di Monteponi

La grande miniera di Monteponi

La miniera di Monteponi, famosa per i fanghi rossi che si sono accumulati alle sue pendici, frutto di decenni di scarti di lavorazione nell’estrazione...

La Chiave del Cuore di Sassari

In ciabi è un modo di dire che, mutevole come tutto il resto, ha cambiato spesso origine ma quasi mai il senso....
Pozzo di Santa Barbara - visione aerea

Pozzo di Santa Barbara e Miniera di San Giorgio

Non troppo lontano dal centro di Iglesias, su un altopiano raggiungibile attraverso un’affascinante strada bianca dissestata, si trova il Pozzo di Santa Barbara. Circondato...

Un fermento che dura seimila anni

Ozieri C’è una sottile ansietà a guardare le case dall'alto. È come un nervosismo bonario, tipo quello del fornaio che guarda il pane mentre cuoce,...

La possente rocca di Burgos, sentinella del Goceano

Il castello di Burgos è una struttura imponente, arroccata su di un picco granitico ai piedi del monte Rasu. Prende il suo nome dal...

Sassari, con occhi diversi

Tramonti malinconici... Sassari è la mia città e la adoro per molte cose. Ma sono i suoi tramonti che mi hanno conquistato. Complice, un ricordo...

Stay connected

297,445FansMi piace
1,708FollowerSegui
509IscrittiIscriviti

Ultimi post

Il parco di Aymerich: il parco urbano nel cuore dell’isola

Il parco di Aymerich, si trova a Laconi ed è il parco urbano con maggiore estensione di tutta la Sardegna, conosciuto anche...

Basilica di San Simplicio

La Basilica minore di San Simplicio è posta sulla sommità di una collina di fronte alla stazione ferroviaria di Olbia.

Narami: il tappeto sardo a Samugheo

Narami in sardo significa “raccontami” e racchiude in un’unica parola il senso della giornata trascorsa a Samugheo: un racconto tra tradizione, innovazione...